30 mar 2017

TO-DO LIST: 3 COSE DA FARE AD APRILE


La primavera per me è un pò come un primo dell'anno. Significa ripartire. Ma rappresenta anche una sorta di rinascita e scoperta, legate a quella voglia di liberarsi del troppo, di alleggerirsi.
Quel less is more che fa stare meglio, insomma. Con il desiderio di circondarsi di luce e colori chiari e delicati.




Ma cosa possiamo fare per rendere tale questo periodo? Quali sono le strategie che possiamo mettere in atto per circondarci di leggerezza? Io ho trovato queste:

FARE DECLUTTERING: ci aiuta sicuramente a mantenere gli oggetti che realmente ci fanno stare e sentire meglio. Eliminando ciò che non sentiamo più nostro, ci regaliamo una sensazione di leggerezza che ci spingerà a continuare e lasciare posto al nuovo (non solo in senso materiale). Facci caso: quante volte ti sei detta che avevi bisogno di un contenitore o di un armadio nuovo perché devi riporre varie cose quando, invece, è sufficiente eliminare il superfluo.

ORGANIZZARE E OTTIMIZZARE GLI SPAZI: ci fa risparmiare sicuramente tempo e ci permette di mantenere l'ordine. All'inizio non è semplice, ma una volta fatto proprio il metodo, vedrai che tutto sarà più snello e ti accorgerai di respirare. Per farti un esempio, io ho suddiviso la dispensa con due pensili, uno per il dolce (biscotti, merendine, latte, succhi, ecc.) e uno per il salato (pasta, legumi, conserve, ecc.). E' una cosa banale, lo so, ma mi permette di andare a colpo sicuro quando ho bisogno di qualcosa velocemente, tipo i formaggini dei bambini. All'interno ho inserito le cose più piccole nei contenitori Variera di Ikea per averle a portata di mano e soprattutto per pulire meglio.


RINNOVARE: prima di comprare e prima di buttare. Sforzati di guardare con occhi diversi un oggetto o un mobile. Forse quel marrone scuro che tanto ti era piaciuto, adesso non è più di moda. Perché quindi non pensare ad un bianco o un colore che già hai in casa? Se uniformiamo i mobili che già possediamo l'ambiente risulterà più curato senza spendere una fortuna.

Ecco quindi quello su cui mi impegnerò questo mese. Come vedi non ho inserito nessun nuovo acquisto nella mia to-do list, ma solo la voglia di fare spazio per recuperare quello che ho già e che rischia di venire soffocato.

Adesso facciamo un gioco. Ti invito a condividere tutto quello che per te rende più leggero questo mese. Usa l'hashtag  #lightapril sulla pagina Facebook e sui tuoi canali social così allunghiamo la lista che ho iniziato. Ti aspetto.

23 mar 2017

URBAN GARDEN

La settimana scorsa ho fatto un salto (purtroppo brevissimo) da Maisons du Monde. Era doveroso perché volevo assolutamente studiare dal vivo i dettagli delle nuove collezioni, in vista anche di un nuovo progetto tutto al maschile (ma di questo te ne parlerò prossimamente).

Di Maisons du monde, mi ha decisamente colpito la collezione Urban Garden. Declinata nei toni del rosa del verde, è delicatissima e fresca. La sensazione è quella di un accogliente rifugio nel quale rintanarsi rientrando a casa. Un modo anche per proiettarsi mentalmente alle prossime vacanze.
Questa è una palette che ho creato per l'occasione che racchiude i colori della collezione.


Cactus, fenicotteri, ananas, palme e felci sono i protagonisti speciali, insieme a dettagli dorati, di questa collezione e qualche pezzo lo avevo inserito in questa concept board.

Ho acquistato alcuni oggetti che mi hanno colpito, che non riguardano esclusivamente l'arredamento, perché sono appassionata anche di cancelleria e devo dire che mi sono dovuta trattenere.


Sono convinta che anche con poco si può riuscire a migliorare. Io adesso ho pensato alla mia scrivania, e per la primavera credo vada benissimo.

16 mar 2017

URBAN JUNGLE

Ieri sera, poco prima di andare a dormire, come sempre, ho chiuso le persiane. E solo un attimo dopo mi sono resa conto di essere rimasta con naso all'insù, ad occhi chiusi e di avere "respirato l'aria". Che aveva un odore diverso dal solito. Sapeva di primavera. Per la prima volta in questo 2017 ho sentito l'odore della bella stagione.

Perché quindi non approfittiamo di quello che la natura ci regala, fermandoci ad ammirare ciò che circonda, magari con gli occhi di un bambino?
Questa sensazione mi ha ispirato questo post dal sapore jungle, che dici, portiamo un pò di verde in casa?
Come vedi, il filo comune di queste immagini, è la concentrazione del verde in un punto in modo da creare composizioni che colpiscono anche con poco, come ad ingannare l'occhio (se noti, vasi e portavasi sono semplicissimi).





Le piante grasse creano già da sole una buona composizione, ma utilizzando altre essenze tipo filodendro, papiro, banano, felce, l'effetto sarà migliore.


credits 1, 2, 3, 4, 5, 67

09 mar 2017

Giochi, librini e macchinine

Questo post non era in programma, cioè era in programma un post per oggi, ma non questo in particolare. Ma quando ho distolto la vista dal monitor mi si è presentato questo.


E' il pavimento del mio studio (ieri) trasformato, in circa 30 minuti (ma esagero), al passaggio della piccola treenne.
Essere mamma, che deve comunque lavorare, con una bimba a casa dal nido è un pò complicato. E colmo dei colmi, questi sono i giocattoli che tempo fa avevo eliminato dal soggiorno proprio perché andava a finire sempre così. Se avete dei bambini oppure nipoti sapete di cosa parlo e di come ci si senta nel vedere questi "risultati". L'attività giornaliera dopo il lavoro, è quella di contenere e riordinare. Nel tempo ho cercato di insegnare ai miei bambini a cercare di "non buttare troppo all'aria", con risultati che variano nel tempo (dipende tutto dai piccoli, a volte sono più volenterosi altre meno - è nella loro natura). 
E poi una cosa va detta. Quando ci sono bambini, ci sarà sempre una casa vissuta, viva, per dirla meglio. Qualche anno fa, collaboravo con uno studio per il quale dovevo effettuare molti sopralluoghi, e mi capitava spesso di entrare in case con bambini. E ogni volta i proprietari quasi si scusavano per il disordine. Però devo dirvi che in quelle case si respirava un'aria fantastica. Vedere i giochi, magari qualche segno di pennarello sul muro, oggetti da bambini, i disegni attaccati alle pareti, mi trasmetteva serenità e una sensazione di unione e vitalità. Era bellissimo.

Forse ho scoperto l'acqua calda, ma mi sono resa conto che se inizio io a riordinare, e chiedo loro gentilmente di passarmi questa o quella cosa, vedo che si incuriosiscono e iniziano a farlo anche lro. Quando in passato, esausta, ordinavo loro di riordinare, ottenevo invece solo una chiusura che non portava a niente di buono. 
Per questo sto mettendo a punto alcune strategie (o almeno ci provo) che lentamente stanno portando, non dico l'ordine estremo in casa, ma un aiuto importante. Spero possano essere di spunto per voi.

destinare un posto preciso e univoco per gli oggetti, sembra tranquillizzarli. Loro sanno dove trovare quello che cercano e quindi dove riporlo. Vi faccio un esempio: i pennarelli, matite e fogli per disegnare sono sistemati nel carrellino RÅSKOG di Ikea. Questo è quello che teniamo in cucina e posso dirvi che FUNZIONA! (che poi venga spostato da una parte all'altra della zona giorno o che inizino a lanciarsi a vicenda i pennarelli, fa parte del gioco).



i libri (una parte) li teniamo nella parte bassa del mobile del soggiorno. Quelli piccoli, all'interno di una scatola che ho sistemato in verticale, tipo mini libreria, gli altri in verticale nella maniera classica.
Altri sono in cameretta. Qui ho scelto di utilizzare una mensola Ikea perché volevo che i bambini vedessero la copertina del libro.


Come soluzione è valida per due motivi: il primo perché dal letto possono vedere il libro e indicarmi subito quello che vogliono che gli venga letto, il secondo perché riescono a rimettere i libri al loro posto con più facilità. C'è però un inconveniente; questo tipo di mensola in particolare, ha il bordo davanti troppo basso, per cui se vengono messi troppi libri, c'è il rischio che cadano. E vi posso assicurare che cadono TUTTI, tutti insieme. Per cui sarebbe meglio una mensola con il bordo anteriore più alto, tipo questa.



le macchinine, per il momento che non sono ancora molte, le abbiamo raccolte in un sacchetto, mentre tutti i piccoli giochini li ho sistemati in un secchio che ho chiamato secchio magico. Questo è utile quando i bambini sono un pò agitati, e si calmano andando a "scoprire" cosa contiene il secchio. E' chiaro che tutto il contenuto sarà inevitabilmente sparso in ogni dove, ma il gioco consiste anche a chi riesce a ri-mettere più giochini nel secchio nel minor tempo possibile.




• abbiamo anche l'immancabile cucina dove la sera mettiamo le cosine a posto come fa la mamma. A volte funziona e altre no… (ieri sera, sì!)



e poi succede questo…ma va bene lo stesso :-)



Intanto io continuo la mia ricerca di soluzioni che mi aiutino ad organizzare lo spazio dei bambini. Come sempre Pinterest è una fonte inesauribile e ho già individuato alcune idee che vorrei mettere in pratica il prima possibile e ve ne parlerò in un prossimo post. Ma chiedo aiuto anche voi. Ditemi se avete trovato una buona soluzione per arginare il caos, sarò felice di conoscerla.

02 mar 2017

March to-do list

Io non ci credo che anche febbraio sia passato, così, in un soffio. Proprio non ci credo. Ogni giorno è stato pieno di impegni e programmi. Conciliare famiglia e lavoro, non è sempre facile, sembro un'acrobata, ma alla fine ce la faccio. La cosa positiva è che le giornate si allungano ogni giorno un pò di più e torna la voglia di fare e cambiare.
Quindi è giunto il momento di preparare la nuova to do list per questo mese, altrimenti le cose rischiano di sfuggirmi di mano.

321 Eccola qui! 

scegliere il colore per le pareti della cameretta di Margherita. 
Non sarà facile, perché mi innamoro di tutto. Del colore rosa, e un attimo dopo del grigio chiarissimo, di un mobiletto che starebbe bene con una parete bianca a pois colorati e poi di una parete a righe. Il primo passo comunque sarà fare un test con un tool specifico. In questo post di molto tempo feci una prova per la parete del mio studio utilizzando color my room (con un colore a caso), se volete potete provare anche voi. Nel post trovate un tutorial. Altrimenti trovate uno strumento simile, e secondo me molto più semplice da utilizzare (sono riuscita a mettere il colore anche tra le stecche del lettino), messo a disposizione da Chrèon: color trainer. Ho fatto alcune prove utilizzando la palette colori dedicata allo spazio bambini. Ci ho messo veramente poco e questo è il risultato. 



organizzare il sottoscala.
E' giunto il momento di pensare anche a questo spazio. E' accanto al mio studio, per questo penso di aggiungere dei contenitori per la raccolta differenziata di carta e plastica. Per il momento ho due mobiletti in midollino, non sono bellissimi, ma sono utili. Sto pensando di verniciarli di bianco per uniformare il tutto, e una scarpiera che deve essere sostituita o eliminata del tutto (da pensare).

comprare qualcosa di nuovo per la cucina. 
Sono dell'idea che basta poco per rendere più accogliente e curato un ambiente, (e basta poco per rendermi felice) per cui inizio da (una cosa semplice e scontata) bicchieri, piatti e tovagliette per la colazione. Stiamo utilizzando ancora quelli che avevo nella mia casa da single, e nemmeno tutti perché molti si sono rotti. Mi sono piaciuti questi bicchieri di Bitossi perché sono grandi come piacciono a me, mentre per i bambini, mi sono innamorata dei bicchieri di Petit Jour, sono dolcissimi. 
Per la colazione ho pensato a queste semplici tovagliette all'americana di Zara Home che fanno da base perfetta alle mie mug. E per i piatti credo che sceglierò quelli della linea colorata di Fill by Atipico.
Lo so del portauova non ne avevo parlato, ma questo di Seletti mi piace un sacco (ma andrà ad aggiungersi alla wishlist).


Che dite, vi ho fatto venire voglia di preparare la vostra to-do list mensile? Scopriamole nei commenti qui sotto o sulla pagina Facebook.