16 nov 2017

NOVEMBER MOOD

Dall’inizio di Novembre sento il bisogno di alleggerire la casa e portare quel senso di immediatezza che adesso manca; voglio organizzarla e migliorarla in modo che la gestione sia più semplice e veloce, così da mantenerla pulita e ordinata più a lungo - che poi si tramuta in tempo in più per me e la mia famiglia.

Sicuramente aver pensato ad organizzare i vestiti dei bambini per la settimana è stata un’ottima idea (ne parlo in questo post), e la mattine adesso scorrono più fluide.

Per darti un’idea di quello che mi ispira ho raccolto alcune immagini che interpretano alla perfezione il mio desiderio.


In questo ambiente si mixano alla perfezione temi classici, come la rubinetteria in ottone, la cornice in gesso, le linee contemporanee dei mobili e dei pensili che combinati con il rosa e il marmo della parete creano una atmosfera fresca e pulita.


Cambio di destinazione per il carrello portavivande dalle linee rigorose, che viene reinterpretato con originalità.




Come sempre ho pensato di lasciarti una mood board (la mia wishlist) con oggetti che possono contribuire a creare il fresh-mood di cui ho bisogno e che spero entrino presto in casa.


/1. /2. /3. /4. /5. /6.


Fammi sapere cosa ne pensi. Ti piacciono queste idee. Stai pensando di applicarle a casa? Spero di esserti stata di ispirazione e se hai bisogno di consigli, non devi fare altro che scrivermi.

09 nov 2017

DETTAGLI A POIS

Forse non lo immagini ma le mie mattine sono cariche di ansia. Si perché preparare i bambini per la scuola è una fatica disumana, una lotta contro il tempo, una prova. Specialmente per vestirli.

Così ho pensato ad una soluzione che:

• ci permetta arrivare in orario a scuola
• ci eviti di salire e scendere le scale quasi fosse un lavoro (per cercare i vestiti, appunto)
• si integri con lo stile minimal del bagno

Ho scartato subito l’idea di inserire un mobile contenitore suddiviso per giorni perché avrebbe richiesto maggiore spazio avendo la necessità di 5 cassetti/contenitori per bimbo.


Ho scelto quindi di utilizzare i PLUMSA di Ikea che ho agganciato alla parete con le ventose (non sopporto di forare il rivestimento), nei quali inserisco tutto il necessario per i 5 giorni di scuola.
I bambini hanno subito apprezzato con entusiasmo. Si, perché in questo modo scelgono loro stessi cosa indossare e come abbinare e questa libertà aumenta in loro la fiducia e l'autostima.
Siamo ancora in fase di test ma sto constatando che questo metodo funziona.
In più serve da "limitatore di ansia" che potrebbe avere una ripercussione negativa sulla MIA giornata.






Facilita anche il compito a mio marito nei giorni in cui io devo uscire di casa prestissimo, semplicemente per non costringerlo a chiamarmi per sapere dove trovare i vestiti ;-)

Posso dire che sono soddisfatta di questa scelta. Come sempre ti lascio una moodboard di ispirazione per la tua organizzazione mattutina se come me sei in lotta con il tempo.



/1. /2. /3. /4. /5.

Anche le tue mattine sono al cardiopalma? Sono curiosa di sapere se ti piace questa idea e se pensi di adottarla, fammi sapere!

styling e foto | Guja Martelli - www.studiomag.it

02 nov 2017

IKEA: TENDENZE 2018

Sono passati quasi due mesi da quando ho partecipato all'anteprima del nuovo catalogo Ikea nel negozio di Firenze. Come ti raccontai, il catalogo 2018 è ricco di sorprendenti novità tra cui la collaborazione con HAY (brand danese, che adoro).

Ikea ci affascina sempre e da sempre. Le soluzioni proposte quest’anno sono caratterizzate da linee pulite ed essenziali, e i colori proposti per tessuti, arredi e complementi stuzzicano la fantasia.

Detto ciò, questi sono alcuni dei prodotti del nuovo catalogo che mi hanno colpito.

SVALNAS: una scrivania da parete in stile retrò dal sapore scandinavo, ideale per i piccoli spazi. Puoi inserirla anche nel corridoio o in soggiorno per creare il tuo home office, combinandola a piacere. Abbinala ad una sedia dalle linee fluide e accessori minimal.


|1. |2. |3. |4. |5. |6.

STOCKHOLM 2017: una poltrona perfetta per il terrazzo, per l’angolo verde e perché no per il reading corner. Accostala ad una lampada dallo stile naturale, una coperta soffice, una tazza di tè fumante e il gioco è fatto.



|1. |2. |3. |4. |5. |6.

GLADOM: un tavolino versatile che diventa vassoio. L’hai sicuramente visto fotografato sulla mia pagina Fb (nei colori giallo chiaro e verde scuro); utilizzalo accanto al divano per ammorbidire le linee e servire l’aperitivo.



Tutta la COLLEZIONE nata n collaborazione con HAY.  Mood scandinavo a tutti gli effetti per questi prodotti, tanto che non servono parole per descriverli. Sceglila se ami atmosfere nordiche, lineari, dai profili morbidi e accostala a colori polverosi. Ecco una rassegna dei miei preferiti.



|1. |2. |3. |4. |5. |6. |7. |8.


Ma sfogliare il catalogo 2018, ci permette di apprezzare anche l’uso che viene fatto del colore per le pareti. Quasi un color blocking che utilizza colori pastello abbinati a quelli più decisi degli arredi, oppure la freschezza dei colori naturali abbinati al bianco puro.
Ecco alcune immagini significative con le quali ho pensato di creare, per ognuna, la palette colori che può esserti di ispirazione.



immagini Ikea

Queste sono solo alcune delle cose che mi sono piaciute del nuovo catalogo. Come sempre irresistibile. A te che impressione fa? Ti è piaciuto? Parliamone insieme, ti aspetto!


26 ott 2017

RALLENTARE PER RIPARTIRE

Questo post ha tutto il sapore di una riflessione. Ne ho bisogno per fermare questi giorni frenetici, nervosi e impegnativi che corrono veloci. Mi serve per centrarmi e ritrovare la calma.
Ottobre è il mio mese; non solo perché la settimana scorsa ho festeggiato il mio ..esimo compleanno. Ma anche perché è un periodo nel quale cresce la voglia di circondarsi di oggetti che coccolino, di immergersi in ambienti con luci soffuse e profumi delicati. Ottobre mi rassicura con con i suoi tramonti e con le sue infinite sfumature giallo-marrone-rosso-arancio, i colori della terra e il forte contrasto del verde smeraldo dei prati.

Ecco l’atmosfera che voglio trattenere in una moodboard per fissare le sensazioni che mi regala ottobre e che esprimono “l’abitare” inteso come nido e protezione.


Adesso però voglio fare un gioco. Estrapolo da questi pensieri ciò che mi regala una sensazione di soddisfazione e appagamento. Niente di troppo complicato, solo un bagaglio di sensazioni che ricreandole permettano di dire “mi sento a casa”.

  • atmosfere ovattate 
  • luci soffuse
  • suoni tenui
  • profumi delicati
  • una coperta calda
  • una tazza di tè fumante

Per cominciare, è più che sufficiente. Prova anche tu a concederti momenti lenti che dilatano il tempo. Accomodati sul divano con una coperta calda, oppure leggi un bel libro scaldandoti con del tè fumante.

Se poi sei brava in cucina,  dedicati alla preparazione di piatti semplici che appaghino la vista, circondati di profumi morbidi che scaldano la casa.

Non occorre molto…basta iniziare.

Che dici, proviamo? Sicuramente sarà un  buon inizio e ti sentirai subito meglio. Hai qualche idea in più che potrebbe aggiungersi all’elenco che ho creato? Scrivilo nei commenti, così potremo arricchirlo!

19 ott 2017

SCARPIERE NON CONVENZIONALI

Devo decidermi a fare un giro per negozi e trovare “il paio di scarpe” del mio autunno. Si, amo le scarpe, tantissimo. Fin da bambina sono una appassionata. Quest’anno però sono rimasta indietro per mancanza di tempo. Il poco che ho libero, lo dedico alla mia famiglia, ma le giornate sono sempre più fresche e sento il bisogno di scarpe calde. Poi ci sarà l’eterno dubbio: dove le metto? Devo comunque pensare a riporre quelle estive. Alcune paia, quelle estive-estive sono già al loro posto nelle Skubb di Ikea, ma quelle per la mezza stagione sono ancora lì a prendere posto.

Per inciso, sono una persona a cui non piacciono gli arredi preconfezionati, rigidi, preferisco le soluzioni libere, trasformiste, in continua evoluzione, non convenzionali insomma.

Quindi anche per le scarpe voglio una soluzione che rappresenti il mio stile, per cui a casa mia non vedrai mai le classiche scarpiere.

Se anche tu la pensi come me e stai cercando qualche idea, ho trovato in rete alcune ispirazioni che ritengo interessanti.

img 1 - 2 - 3 - 4

Molto carina e originale l’idea delle scatole con l’applicazione della foto del contenuto: devi fornirti di scatole di uguale dimensioni, una polaroid e il gioco è fatto.
Anche la soluzione di riporle in mobili contenitori non è niente male, e la vedo bene in camera da letto.

Trovo infine questa soluzione particolarmente geniale. Un mobile in radica, un tempo utilizzato come vetrina, diventa adesso una “scarpiera”. La sua funzione di contenitore è rimasta, ma cambia il contenuto, dando vita ad uno stile unico, quasi bohémienne, libero dagli schemi.

5 

Che dire; sicuramente manterrò le scarpe estive nei contenitori Ikea; per le altre penso che sceglierò una soluzione alternativa e  andrò alla ricerca di un mobiletto vintage in qualche mercatino dell’usato. E tu, quale soluzioni preferisci?

12 ott 2017

NEW LOOK: IL TAVOLINO COOL

Qualche mese fa ho rifatto il look ad un tavolino da salotto in arte povera che era stato ereditato dalla mia famiglia e mi sono resa conto solo adesso che non te lo avevo ancora mostrato.
Il colore molto scuro, un marrone quasi nero, non si sposava con il resto dell’arredamento. Per molto tempo è rimasto come “poggia tutto” dai miei genitori, poi la primavera scorsa ho pensato che era giunto il momento di trasformarlo, per alleggerirne i tratti.



Non ti nascondo che è stato un lavoro molto lungo.
Per cominciare ho dovuto carteggiare pesantemente la superficie per eliminare il più possibile la vernice protettiva e attenuare il colore scuro. Poi ho passato svariate mani di bianco per creare una buona base per i colori successivi.

Per la parte piana del tavolino ho scelto la tecnica del colorblocking (si quella di cuiparlo in questo post).
Ho scelto colori freschi e vitaminici, un contrasto netto rispetto al colore originale, e li ho richiamati sulla parte verticale e sulle zampe arricchiti da piccole parti in foglia argento.

E questo è il risultato, una trasformazione netta che ha donato un mood elettrizzante e che caratterizza decisamente l’ambiente. Non lo utilizzo come piano d’appoggio selvaggio, bensì come benvenuto per  chi entra a casa.


In questa foto (mi è stato richiesto per un evento serale) puoi vederlo interamente; sulla costola delle zampe si nota il riflesso della foglia argento. Per l’occasione avevo decorato dei vecchi piattini da caffè utilizzando la stessa tecnica e gli stessi colori.



Dimmi, cosa ne pensi? Ti piacerebbe trasformare qualcosa, o addirittura hai già realizzato qualcosa?
Se mi segui ormai conosci come lavoro e sicuramente sai che tengo molto al recupero di arredi che già sono presenti in un ambiente, in modo da utilizzarli magari con una nuova funzione. Questo è un valore molto importante per me e che sta al centro dei miei progetti.

05 ott 2017

MY HOME RESTYLING: LA CAMERA DA LETTO

Ebbene, è arrivato anche per me il momento di fare un bel restyling della casa, iniziando dalla camera da letto.
Lo ammetto…l’ho tralasciata; per mancanza di tempo e perché non riesco a decidere tra le infinite soluzioni che passano quotidianamente davanti a miei occhi mentre consulto riviste di settore, Pinterest e punti vendita.
Attualmente lo stile della mia camera è molto, molto semplice. Il letto è un sommier appoggiato alla parete al quale ho abbinato dei cuscini con tessuto neutro.

Cassettone e comodini provengono dalla casa precedente; il mio desiderio sarebbe di cambiarli, ma sono veramente pratici e capienti, solo un pò troppo grandi per i miei gusti attuali (ne ho già parlato qui).

Poi ho uno specchio antico, appartenuto alla mia famiglia. Lo stile è molto elaborato, ma si integra alla perfezione con il resto.

Detto questo, sento di dover completare la parete del letto.
Le opzioni sono molteplici e svariate: un pannello decorato, carta da parati, mensole, quadri.




La soluzione che preferisco in assoluto è la parete dipinta con un colore a contrasto. Ecco quindi una speciale moodboard che ho creato per scegliere la soluzione per una testata originale e che si sposi con il resto dell’arredamento.

123

Probabilmente sostituirò i punti luce, e forse abbasserò un pò il letto, però in questo caso dovrò ripensare ad un mood diverso per i comodini.

Spero  di riuscire a prendere una decisione molto presto, così potrò mostrarti il risultato in diretta.

E tu? Hai già definito lo stile della tua camera, oppure è work in progress come la mia? Se non sai deciderti, ne parliamo insieme sulla mia pagina. Ti aspetto insieme a tutti i tuoi dubbi!

28 set 2017

INTERNI: LA CASA DI MARTA

Un pò di tempo fa ho ricevuto una email da Marta con una richiesta ben precisa. Cambiare stile alla casa, da cima a fondo; non la sente sua, non ci si riconosce, non rispecchia il suo stile di vita e il suo carattere allegro e solare.

Questi sono i desideri che ha espresso:

✓ voglio una casa con i colori che amo
✓ mi piace ricevere spesso gli amici quindi ho bisogno di spazio
✓ mi piacciono gli arredi minimal ma di carattere
Tenendo bene in mente questi punti essenziali, mi sono messa all’opera e ho impostato il progetto in modo da seguire i suoi desideri utilizzando materiali, ma soprattutto colori, che parlino di lei. 
L’abitazione attualmente è caratterizzata da uno stile molto rustico (impegnativo) che deve essere alleggerito e smussato utilizzando cromie e materiali che permettano di raggiungere questo risultato.

Partiamo dai pavimenti. Ho scelto di posare per tutti gli ambienti un parquet a listoni color miele, che dona gli ambiente quel mood naturale e accogliente che stiamo ricercando.

Pareti e travi a vista: ho scelto un bianco di base, anche per le travi che, allo stato  attuale gravano visivamente nei vari ambienti.

Cucina: ho scelto mobili in legno perché è un materiale che vedo molto adatto a Marta. Per la parete che ospita la parte operativa, ho scelto un verde polvere che ne esalta i colori. Ho poi pensato per lei, che ama ricevere gli amici, un bancone/snack che fonde le funzioni di preparazione e intrattenimento che lei ricerca.
Il tavolo è rettangolare, realizzato con tavole di legno di recupero, al quale ho abbinato le sedute trasparenti di Kartell.

IMMAGINI:
Sedie - Kartell; Tessuto - Ikea; Sospensione - frauMaier; Cucina - Lago

Soggiorno: ho previsto un arredo semplice; un divano basico accostato a due sedute  decisamente spiritose che grazie alla loro natura e ai loro colori rendono la stanza giocosa. Una parete del soggiorno, quella dietro il divano verrà rivestita con una carta da parati di forte impatto.


IMMAGINI:
Carta da parati - Wall&decò; Divano - Design House Stockholm; Poltrona - Lago; Lampada da terra - Fraumaier; Tavolino - Hübsch; Buffet - Mørteens

Camera: qui ho proposto una cabina armadio con pareti vetrate per separare in modo leggero l’ambiente, considerata la presenza di un soffitto a falde e le minime dimensioni della finestra.

Per la camera, come per il soggiorno, ho scelto arredi dalle linee essenziali. Un letto in legno dalle linee sobrie affiancato a due comodini della serie componibile di Kartell. 

IMMAGINI:
Letto - Ethnicraft ; Contenitori - Kartell; Sospensioni -Muuto; Lampada da terra - Tomasucci; Cuscini - Orla Kiely

Bagno: ho ripensato la posizione dei sanitari così ho potuto realizzare due spallette per creare tre zone funzionali: zona lavanderia, composta da colonna lavatrice/asciugatrice,  zona doccia in quella centrale, zona lavabo e sanitari.

IMMAGINI:
Lavabo - Pozzi Ginori; Mosaico - Sicis; Piastrella Bianca - Ceramiche Ragno; Luci - Design House Stockholm; Specchio - Ferm Living; Tappeto - Atipico

Questo è il risultato. Marta è entusiasta; finalmente la casa parla di lei ed io sono orgogliosa di essere riuscita a centrare i suoi desideri, la parte più bella del mio lavoro.
Vuoi anche tu un consiglio personalizzato come Marta? Puoi approfittare delle mie consulenze, chiedimi come

21 set 2017

COLOR BLOCKING PER LA CASA

Scegliere un colore per le pareti mette spesso in difficoltà, ma permette di trasformare un ambiente e caratterizzarlo evitandoti di intervenire con ulteriori decorazioni.

Una tendenza che sta prendendo sempre più piede è quella del Color Blocking. Un termine e uno stile preso in prestito dalla moda. Infatti nelle passerelle si sono visti abbinare capi monocolore in contrasto tra di loro; colori molto forti e accesi, carichi. Colori che forse non sei nemmeno abituata a portare.


Il color blocking nasce appunto con la moda che mixa colori accesi e contrastanti.
Un accostamento audace vede abbinare viola e giallo. Oppure colori forti come il blu elettrico che viene abbinato al suo opposto sul cerchio cromatico, quindi un arancio.
Se per la casa ti sembra un mix troppo azzardato, puoi utilizzare i tuoi colori preferiti abbinandoli tra loro. Perfetti sono i grigi, accostati a tonalità pastello delicati come i verdi, e i cipria e i gialli.

Il concetto è quello di decorare la parete con geometrie colorate. L’effetto wow è garantito e vedrai cambiare volto alla tua casa.

Anche nel caso del color blocking, come per le carte da parati, una  parete o porzione di essa è più che sufficiente. Nel caso contrario rischi di appesantire l’ambiente e di sminuirne l’affetto decorativo.

Scegli arredi semplici e lineari con colori che non appesantiscano la vista. perfetto lo stile nordico, ma anche il  vintage con i suoi legni caldi.





Ti ho incuriosito? Se sei brava con il fai da te puoi realizzare queste decorazioni anche da sola e il risultato sarà sorprendente. Parti da un colore che ti piace e cerca gli abbinamenti migliori, quelli che ti ispirano maggiormente e che hai già in casa.
Per aiutarti nella scelta ho realizzato una mini-guida contenete tre palette di colori (colori a contrasto, pastello e grigi). Se poi desideri qualche puoi sempre scrivermi sarò felice di aiutarti.

14 set 2017

SEPTEMBER MOOD

L’autunno mi piace da morire. Sarà che sono nata ad ottobre, ma sento che è proprio la mia stagione. Lo amo anche se sono freddolosa ma così tanto, che quando il termometro scende sotto i 25 gradi mi serve il golfino.
Eppure lo aspetto ogni anno sognando calzettoni morbidi, tazze di tè fumante e colori caldi. Insomma ho voglia di allontanarmi dalla luce abbagliante dell’estate.
Ed ecco, ho pensato ad una palette per questo settembre che trattenga ancora i colori chiari dell’estate  ma che si contamini del calore di quelli autunnali che richiamano la terra.


Utilizza i colori più chiari per le pareti mentre gli scuri per gli accessori o per creare effetti grafici sulle pareti. Oppure osa pareti più scure ma gioca con le palette chiare per gli arredi, il mood sarà rilassato e davvero molto chic.


I vari toni del beige si inseriscono molto bene in tutti gli ambienti della casa sia con il tuo arredo moderno sia con quello classico. Sono colori che invitano al relax e creano una atmosfera neutra che ti permette di giocare con gli accessori (puoi abbinare per esempio la gamma dei rosa, ma anche quella del turchese e dei verdi).

E tu, in quale delle due immagini ti ritrovi? Io sono stata catturata dalla parete delle seconda, che fa da contrasto con il divano (che sembra super comodo). Scrivi nei commenti la tua preferenza, sono curiosa di conoscerla.

07 set 2017

STILE SCANDINAVO PER IL TUO HOME OFFICE

Ebbene sì, settembre è arrivato, e siamo in molti ad aver ripreso il lavoro.
Anche tu senti la malinconia delle vacanze, delle giornate lente e senza orari?
Per superare l’ansia da rientro (tranquilla la subisco anche io) un trucchetto è dedicare un pò di tempo ad organizzare l'home office.

Il mood che ho scelto è tutto declinato allo stile scandinavo, caratterizzato da colori naturali, delicati, forme lineari e minimal look. Perfetto per favorire la concentrazione e non avere distrazioni.

Creare un spazio di lavoro rilassante e intimo è essenziale e quello che emerge da queste proposte è una atmosfera delicata che genera calma.



img 1 2 3 4

Come vedi, i colori chiari sono protagonisti, ma se ti piacciono toni più accesi, puoi utilizzarli per i dettagli.
I piani di lavoro sono semplici, minimali, con tutto il necessario a portata di mano. Realizzati con pochi elementi che puoi replicare tu stessa (qui trovi un tutorial, è in spagnolo ma si comprende benissimo).

Se vuoi ricreare queste atmosfere,  ecco i punti principali da seguire:

COLORI: chiari e neutri per le pareti. Se vuoi un tocco originale puoi scegliere di trattare porzioni di parete con colori diversi o con carta da parati. Il risultato sarà d’effetto, vedi un esempio nella prima figura.

PALETTE COLORI: è importante sceglierla e rimanere fedele ad essa; due colori massimo tre sono più che sufficienti.

DIY: realizza tu stessa il tuo piano di appoggio con cavalletti e cassettiere. Così tieni sotto controllo il budget e cosa importante, personalizzi il tuo spazio in funzione delle tue esigenze e del tuo stile.

ACCESSORI: pochi ma indispensabili, non c’è cosa peggiore di quella di avere uno spazio di lavoro disordinato. Sceglili pratici e capienti che ti permettono di trovare subito quello di cui hai bisogno.

ILLUMINAZIONE: è importantissima, soprattutto se utilizzi il Pc a lungo. Quella naturale ovviamente è la migliore, ma quando è insufficiente e comunque diminuisce nell’arco della giornata, scegli lampade adatte e non dimenticare quella da tavolo.

Per finire il mio consiglio: tieni vicini a te una piantina per purificare l’aria e portare un pò di allegria, puoi scegliere una pilea (come ho fatto io) o una orchidea ma anche le piantine grasse o le succulente.

Adesso tocca a te. Hai già realizzato la tua postazione o devi ancora pensarci? Fammelo sapere nei commenti qui sotto e se hai bisogno di una consulenza , scrivimi!

31 ago 2017

RIFLESSIONI DI FINE AGOSTO E UN REGALO PER TE



In questi ultimi giorni di agosto ho tirato le somme. Si, perché poi arriva settembre che per me è un pò come un primo dell’anno. Ad agosto rifletto su quello che ho fatto, che potevo fare o che è rimasto a metà. Inizio a buttare giù un programma di massima per i mesi che verranno mettendo a fuoco le idee per trasformarle in qualcosa di concreto. Insomma, per non lasciare niente al caso.

Per l’autunno ho già in mente alcune cosine (ancora non posso svelartele tutte) che ti piaceranno un sacco. Poi ho in programma di seguire nuovi corsi di formazione che ritengo molto importanti per la mia professione. Sento la necessità di cambiare alcuni aspetti della mia quotidianità e questo gioverà anche alla sfera professionale.
Insomma, la seconda metà di agosto è da sempre un periodo carico di aspettative e di attesa. Non so se anche a te prende quella voglia di decluttering selvaggio, quel desiderio imminente di fare spazio e respirare. Ecco è proprio questa la sensazione...
Insomma, questo mood, chiamiamolo così, è utile anche per te. Si, hai capito bene e te lo spiego subito.

:: nei prossimi mesi lancerò delle nuove consulenze tarate in funzione delle tue necessità e dei tuoi desideri. Ricordi che nei mesi scorsi, sulla mia pagina Facebook ti ho chiesto di rispondere ad alcuni questionari? Ecco, quelle risposte mi hanno dato le idee giuste per realizzare i miei nuovi servizi e per questo ti devo ringraziare.

:: se hai voglia di ritrovare la tua dimensione all’interno della tua casa, per trovare l’intimità e calore, rimani sintonizzata perché sul blog troverai argomenti che ti aiuteranno a lavorare su questo (non ti svelo di più..)

:: voglio coinvolgerti maggiormente e lo farò tramite i miei canali, Facebook e Instagram, così da conoscerti meglio e poterti fornire sempre idee nuove e originali per arredare, e soluzioni mirate alle tue esigenze.

Quindi, ti aspetto! Intanto c’è un regalo per te. Lo trovi qui; è il planner che ho creato per settembre (quello della foto) e che utilizzo per segnare tutto. Mi permette di avere una visione d’insieme del mese e programmare i miei impegni senza stress. Utilizzalo per i tuoi appuntamenti e scadenze e se vuoi condividi uno scatto su Instagram con l’hashtag #riflessionidifineagosto

24 ago 2017

ISPIRAZIONE PILEA ANCHE PER POLLICI NON PROPRIO VERDI

Pilea peperomioides: ho scoperto questa piantina molto tempo fa durante le mie full immersion di Pinterest e me ne sono innamorata all’istante. La trovo simpatica con le sue perfette foglie tondeggianti di un bel verde corposo (questa caratteristica le è valsa il soprannome di pianta delle monete). Solo che non sono mai riuscita a trovarla in vendita nei gardencenter che frequento e l’idea di acquistarla on line non mi ha mai entusiasmato.

Poi questa primavera sono stata alla mostra di piante e fiori che ogni anno si tiene al Giardino dell’Orticoltura di Firenze, e lei era li. L’avevo finalmente trovata.

Ora, io non ho il pollice verde (e mai lo avrò - temo) e questa per me è una sfida. Farla crescere e mantenere in salute. Le ho trovato posto sul mio tavolo da disegno, accanto ai manuali sulla Hygge - mi sembra un accostamento carino. Così può ricevere la luce delicata che proviene dalla finestra alta; è una pianta che non ama l'illuminazione diretta del sole e d’inverno vuole una temperatura che non scenda sotto i 10°C., per cui direi che il posto è perfetto. E poi basta innaffiarla quanto il terriccio risulta secco (penso di potercela fare).




Ti posso assicurare che richiede cure molto semplici e genera facilmente dei rametti che puoi prelevare e trasferire in un altro vasetto. Io sto provando con tre e facendo i dovuti scongiuri, stanno crescendo! Li ho sistemati con del buon terriccio all’ombra di una betulla e sembra proprio che abbiamo attecchito.
Piccini picciò li ho sistemati uno sul tavolino di benvenuto all’entrata di casa, uno in soggiorno e uno sul ripiano della mio micro libreria del vano scala.



E ora prendi nota: il prossimo acquisto sarà un esemplare di Pilea peperomioides. Questa piantina ha la capacità di trasformare un angolo in qualcosa di speciale che cattura l’attenzione. E se cresce con la sottoscritta, stai pure tranquilla che la cura è molto semplice. Aspetto le tue foto!

styling e foto | Guja Martelli - www.studiomag.it

17 ago 2017

ARREDARE CON IL PROFUMO


Ti è mai capitato che ti tornasse in mente un profumo della tua infanzia, o legato ad un momento particolare della tua vita? Il profumo di un viaggio, o di un incontro che ti è rimasto nel cuore.
A me capita spesso e questo mi permette di tornare indietro nel tempo e ricordare pezzettini della mia vita. Per esempio spesso sento il profumo della mia cartella delle elementari. E’ un ricordo bello, dolce…e mi riporta a quei giorni perché mentre li vivevo, c'è stato un collegamento profumo-emozione.
Il profumo fa parte di te e della tua vita. Pensa al profumo del tuo bambino, del tuo compagno, delle tue giornate. E soffermati sulle emozioni che ti genera. Che siano belle o brutte non importa, l’importante è che tu riesca a percepirle.

Perché se riesci a sentirle e definirle, allora sei pronta per arredare la tua casa con il profumo. Si hai capito bene. Una casa non è fatta solo di pareti, oggetti, mobili, colori. Una casa è qualcosa di più. Ha un suo profumo che la identifica, che la rende unica e speciale, che le dona esattamente "quell'atmosfera”. proprio quella che ti fa dire "sto bene qui”.

Prima di acquistare in maniera compulsiva candele, oli essenziali, incensi &C. ricorda che un profumo deve inserirsi con armonia nell'ambiente senza sovraccaricarlo e soprattutto deve piacere a te e a chi vive con te. Se scegli la vaniglia perché "piace sempre”, ma a te e al tuo compagno da il volta stomaco, bè ci siamo capite.

Ecco quindi una mini guida che ti aiuta ad orientarti nella scelta della fragranza più adatta per ogni ambienti della casa che ti permette anche di creare un percorso olfattivo che ti accompagna all'interno degli ambienti.

CUCINA: scegli fragranze agrumate come limone, arancia, mandarino che aiutano anche ad aliminare gli odori, ma anche la menta piperita che ha un effetto rigenerante e purificante.

SOGGIORNO: per la stanza dedicata al relax post ufficio o del weekend sono indicate fragranze dolci come il mughetto o la magnolia, oppure più legnose come pino e sandalo (sicuramente più maschili).

STUDIO/HOME OFFICE: qui hai bisogno di concentrazione; il rosmarino ha proprietà che favoriscono la concentrazione in più purifica l’aria, che fa bene alle idee. Ma puoi provare anche con mandarino, limone o menta.

CAMERA DA LETTO: per terminare la giornata scegli profumi rilassanti; lavanda che allievi il mal di testa e la tensione nervosa, ma anche i fiori di limone, camomilla melissa che conciliano il sonno.

BAGNO: come per la cucina scegli fragranze fresche che aiutano a coprire eventuali odori e rendono l’ambiente fresco; sono perfette in questo caso lavanda e rosa oppure il mirto, che svolge anche una funzione disinfettante.

Una regola che vale sempre. Prima di acquistare una profumazione, valuta la qualità degli ingredienti utilizzati. Ingredienti migliori, determinano una migliore resa anche in termini di persistenza della profumazione. Una azienda artigiana investe molto in ricerca e qualità garantendo un  prodotto finale di eccellenza, rispetto ai prodotti destinati alla grande distribuzione.

Ti spaventa inserire profumi diversi stanza per stanza? Prova con uno alla volta, con la cucina per esempio. E vedi che effetto ti fa. Se ti piace, se noti un cambiamento, allora puoi passare al soggiorno, oppure alla camera. Fare un passo alla volta non è sbagliato. Ti rende consapevole e ti permette di scegliere in base alle tue caratteristiche, per arrivare ad un risultato perfetto.

10 ago 2017

VIVI IN AFFITTO? ARREDA COSÌ

Se vivi in affitto è il tuo cruccio: vuoi personalizzare la casa secondo il tuo gusto, ma questo si scontra con i paletti posti dai proprietari. Ho indovinato?

Se la risposta è si, questo post è per te. Scoprirai come rinnovare gli ambienti di casa, senza suscitare l’ira del proprietario.
Partiamo dal fatto che, effettivamente, molte delle case in affitto sono spesso poco curate, con mobili male accostati e rivestimenti datati.


Ecco quindi come muoverti :

- Parla con il proprietario del tuo desiderio di intervenire sul look dell’appartamento con interventi soft, chiedendo anche che margini di azione hai. forse scopri che puoi sostituire i lampadari o eliminare piccoli arredi, per esempio.

- Definisci un budget; ti permette di focalizzare meglio la direzione da prendere, senza cambi di rotta.

A questo punto, appena hai il benestare, puoi iniziare. La regola base da seguire e che consiglio sempre è:


UNIFORMARE


:: Pavimenti: in molte abitazioni si trovano spesso tipologie e grafiche diverse da stanza a stanza. Era una consuetudine degli anni 70/80; la soluzione in questo caso è camuffarli con tappeti. Ti suggerisco un colore chiaro e possibilmente tinta unita. Ti concedo al massimo un tappeto con micro disegni monocromatici. Questo perché le piastrelle usate in quegli anni avevano decori impegnativi e se inserisci un tappeto con colori forti e una grafica pesante, rischi di peggiorare la situazione.

:: Disposizione degli arredi: nel limite del possibile, valuta se puoi intervenire sulla disposizione dei mobili. Per esempio nel soggiorno, nell'ingresso, nella camera da letto.

:: Finestre: anche in questo caso vale lo stesso discorso. Tessutio chiari, che oltre ad illuminare, allargano visivamente un ambiente. Sceglili leggero, tinta unita o con decori tono su tono.

:: Divani: se fantasia o colore non sono nelle tue corde, coprili con un tessuto leggero, di colore neutro, chiaro, che si armonizzi con tappeti e tendaggi. Puoi inserire alcuni cuscini che per esempio potrebbero riproporre il colore degli accessori, oppure riprendere la grafica delle tende.

:: Decorazioni a parete: anche in questo caso cerca di uniformare. Ti consiglio una grafica stilizzata che non appesantisce e si inserisce bene in molti ambienti.
Personalmente non amo molto gli stickers da parete quindi, se vuoi una alternativa alle stampe, puoi utilizzare alcune decorazioni geometriche.

IMG



IMG


:: Letto: vale lo stesso discorso fatto per il divano. Per il punto luce sul comodino puoi inserire lampade allineate con lo stile che hai scelto oppure trovare una soluzione alternativa come questa.

:: Cucina e Bagno: questi due ambienti sono forse i più osticici perchè possiedono una struttura rigida, complessa, che non si presta a molte modifiche, e spesso hanno rivestimenti datati. Gioca quindi sugli accessori, ma sempre nella giusta misura. Ricorda che più gli spazi sono ordinati, e gli oggetti inseriti in modo armonico, tutto l'ambiente ne gioverà.
Se comunque il tuo budget lo prevede, puoi pensare di applicare sulle piastrelle, un film adesivo con la grafica che preferisci che puoi facilmente eliminare quando lascerai la casa.

Ricorda: la casa deve parlare di te, ma prima di tutto deve piaceri e farti sentire "a casa". Deve contenere i tuoi ricordi e la tua vita. Utilizza quindi le tue foto per arredare, i ricordi di viaggio, il tuo stile personale e la tua storia.

IMG

IMG

Ed ecco qui la soluzione per la tua casa in affitto. Un ultimo consiglio; con piante e oggetti crea punti focali che attirano l'attenzione sugli angoli migliori. Se vuoi dei consigli in più scrivimi nei commenti. Sarò felice di aiutarti!